Nuovo aggiornamento
Vignette
Barconi e terrorismo: Alfano rassicura...

Storico Vignette

Lavagna
News > Culture > La Giöbia e sant’Antoni

La Giöbia e sant’Antoni
di Diana Ceriani 1/2/2013
 
 
La Giöbia e sant’Antoni

LA GIÖBIA


No l’è minga giusta inscì adess cunt ul frecc c’al fa

No l’è minga giusta inscì vi altar duì partì

Partì par andà in dua a fa la guera o a laurà

No l’è minga giusta inscì sti via ann da cà

La lüs de la lüm ma fa vidé vidé la strava

De ‘na cà visina in dua i donn sa trövan

Cunt la nev o ul suù giazà dul mes da Genar

Sa pö sta mia da par nünch dumà a pensà

La püscena da Vares la giöbia

L’ültim giuedì dul mes da Genar

L’è stà inscì ca l’è partìda la tradiziun

Divegnüda pö la festa de la Giöbia

Mò i ann in pasà, i oman van pü via de cà

Ma la tradiziun tra donn a l’è restada

Anca i tusàn chi da marì sa trövan

E i fiö a podan dagh un cör fai da bun bun

E la tusa emuziunada la ven un zich rossa

E ul fiö ga fa capì ca lü la vör spusà

Eccu trasfurmada ‘na sira de l’invernu

In un mument cald d’amur e de felicità

LA GIÖBIA


No non è giusto così ora, con il freddo che fa

No non è giusto così voi dovete partire

Partire per andare dove? A fare la guerra o a lavorare?

No non è giusto così state via anni da casa


La luce della lanterna mi fa vedere la strada

Di una casa vicina dove le donne si trovano

Con la neve o il sole ghiacciato del mese di Gennaio

Non si può rimanere da sole così a pensare

Il dopocena di Varese la giöbia

l’ultimo Giovedì del Mese di Gennaio

È così che ha avuto inizio la tradizione

diventata la festa della Giöbia

Ora gli anni sono passati e gli uomini non vanno più via di casa

Ma la tradizione di trovarsi tra donne è rimasta

Anche le ragazze in età da marito si trovano

E il ragazzo vuole donare un cuore dolce

La giovane emozionata diventa rossa

Il ragazzo le fa capire che la vorrebbe sposare

Ecco trasformata una sera invernale

In un momento caldo d’amore e di felicità.


Premessa del Sant’Antoni


Ciumbia! che confusione che con il tempo abbiamo fatto noi Varesott tra Sant’Antonio da Padova e Sant’Antonio Abate!


Ne approfitto quindi per mettere un po’ di chiarezza specialmente su un detto popolare tipico della nostra terra, che, con ingenua squisita “ignoranza” che si cela nei meandri della storia comune, ove a detti e credenze si dava valore e importanza, mescola pregi dell’uno e dell’altro Santo facendoli così divenire una cosa sola.

E sì, perché Sant’Antonio abate, venerato e festeggiato il 16 e 17 Gennaio proprio a Varese dove si erge una chiesetta a lui dedicata, è protettore degli animali, che vengono benedetti durante una messa speciale celebrata tradizionalmente durante la festa. È anche sì considerato scopritore della prima cura efficace per il fuoco di Sant’Antonio, malattia che appunto per questo ha preso il suo nome; ecco uno dei motivi per cui si accende il falò la sera del 16 Gennaio, proprio per ricordarlo come dominatore del fuoco.

Dà persino una mano alle anime sole a trovare il grande amore, infatti si dice che chi è solo e si reca ai festeggiamenti a lui dedicati con speranze e preghiere, incontri proprio lì la persona giusta. Ma non è lui che aiuta a trovare oggetti smarriti!! È infatti a Sant’Antonio da Padova che viene attribuita questa facoltà!

Allora perché storicamente a Varese rivolgendosi a sant’Antonio Abate si chiede questa grazia: SANT’ANTONI DU LA BARBA BIANCA FAM TRUÀ CHEL CHE ME MANCA?

Ed è persino incredibilmente stupendo che spesso la preghiera ripetuta durante la ricerca di un oggetto perduto... funzioni!

In paradiso tutto è possibile se viene chiesto con semplicità e cuore puro!


 


SANT’ANTONI


Quand ca sevi piscinina e al burlava giò un dentin

Arivava ul murigiö e dü ghei sota al cusin

Pö al matin ma desedavi e i dü ghei hu mia truà

Parchè in bürlà par tera e mi mo ai trövi pü


Mi piangevi e caragnavi la me nona ma diseva

Prega prega Sant’Antoni e i dü ghei tei truaret

Sant’Antoni du la barba bianca

Fam truà chel che me manca

Al disevi dü o trì völt anca quatar al bisögn

E ul me caro Sant’Antoni al cercava insema a mi

Varda chi e varda là e i dü ghei mi ho truà

I dü ghei i hu metü via in dul caset de la me mama

Dentar a un bel bursin ca l’è propri piscinin

La me nona la ma di al’è ul prim, dumà ch’el lì

Pö ta bürlan giò di altar fin a quand ca te set granda

Grasie caro Sant’Antoni, d’ura innanz da mo che al so

Mi ta ciami tüc i völt che a trövi pü un quei coos

Sant’Antoni du la barba bianca

fam truà chel che me manca………


 


SANT’ANTONIO


Quando ero piccola e mi cadeva il dentino

arrivava il topolino e due soldini sotto il cuscino

poi al mattino mi sono svegliata e i soldini non li ho trovati

perché sono caduti per terra ed io ora non li trovo più


io piangevo disperata la mia nonna mi diceva

prega prega Sant’Antonio e i due soldini li troverai

Sant’Antonio dalla barba bianca

fammi trovare ciò che mi manca

Lo dicevo due o tre volte anche quattro se era necessario

E il mio caro Sant’Antonio cercava con me

Guarda di qui guarda di là e i due soldini li ho trovati.

I due soldi li ho messi via nel cassetto di mia mamma

dentro ad un portamonete che è proprio piccolo

la mia nonna mi ha detto è solo il primo dentino

poi ne cadranno altri fino a quando sarai grande

grazie caro Sant’Antonio d’ora in avanti adesso che lo so

io ti chiamo ogni volta che non trovo più qualche cosa.

Sant’Antonio dalla barba bianca

fammi trovare ciò che mi manca

Diana Ceriani


Seguici anche su:


 
Centro studi L'Insorgente © 2012 - 2014

Insorgente.com è la versione on line de “L’Insorgente”
Registrazione Tribunale di Varese n°846
Editore e proprietario “Centro Studi L’Insorgente” C.F. e P.IVA 95056410126