Nuovo aggiornamento
Vignette
Barconi e terrorismo: Alfano rassicura...

Storico Vignette

Lavagna
News > Culture > L’insorgere della fotografia a Milano

L’insorgere della fotografia a Milano
di Raffaella Ferrari 30/1/2016
 
 
L’insorgere della fotografia a Milano

Sono lontani i tempi in cui Baudelaire dichiarava che la fotografia sarebbe rimasta solo una “serva e un’ancilla della pittura” commentando il Salon del 1859. La fotografia era ufficialmente nata nel 1839 a Parigi e nell’arco di vent’anni stava già rivoluzionando l’iconografia dell’arte.


Di lì a poco sarebbero sbocciate tutte le avanguardie artistiche, che finalmente svincolate dalla rappresentazione veritiera del reale, indagavano l’inconscio, il sogno, la fantasia. Da subito accolta come fedele riproduzione del reale, la fotografia ha esplorato il paesaggio, il ritratto fino ad arrivare ad ampliare il proprio raggio d’azione in molteplici discipline, dall’astronomia alla biologia, dalla risoluzione di casi di cronaca alla medicina. Ed è così che in seguito alla nascita di nuovi apparecchi più veloci pratici e maneggevoli, come la Leica e la Ermanox negli anni venti, ha rivoluzionato anche la sua stessa iconografia, aggiungendo istantaneità e nuove inquadrature.


Il periodo d’oro della fotografia come narrazione è stato fortissimo fino agli anni Sessanta, anni in cui il mezzo televisivo aveva conquistato il primato nella documentazione del mondo, e da qui stessa sorte della pittura in precedenza, attraverso l’esplorazione di differenti linguaggi artistici e sperimentali. Dal reportage alla moda, la fotografia si sta affermando oggi a tutti gli effetti come una forma d’arte riconosciuta ormai in modo assoluto.


Ne parla il calendario in programma a Palazzo della Ragione a Milano, che dopo la grande mostra su Cartier-Bresson, fino aln7 febbraio 2016, propone dal 20 febbraio al 5 giugno 2016 una monografica su Herb Ritts, un grande nome della storia della fotografia di moda. L’estate, dal 16 giugno all’11 settembre 2016 sarà accompagnata dalla retrospettiva sul maestro dell’ironia, William Klein, per chiudere con lo strepitoso James Natchwey, tra i più importanti fotoreporter di guerra contemporanei.


Info
www.palazziodellaragione.it
Raffaella Ferrari


Seguici anche su:


 
Centro studi L'Insorgente © 2012 - 2014

Insorgente.com è la versione on line de “L’Insorgente”
Registrazione Tribunale di Varese n°846
Editore e proprietario “Centro Studi L’Insorgente” C.F. e P.IVA 95056410126