Nuovo aggiornamento
Vignette
Barconi e terrorismo: Alfano rassicura...

Storico Vignette

Lavagna
News > Culture > Giù la maschera

Giù la maschera
di Diana Ceriani 12/2/2015
 
 
Giù la maschera

Quando una nonna dai giovani occhi prende sulle ginocchia sua nipote, le racconta la storia del grande carnevale della vita. Maschere che si incontrano e si confondono nella folla, che celano il volto per essere tutte uguali. Chi ha maschere divertenti, chi tristi, chi cattive.... solo chi non ha maschere e fa vedere le sue fragilità potrà essere davvero amico. Con un amico non mascherato al fianco, il Carnevale sarà solo vissuto per il breve periodo carnevalesco. Solo la saggezza degli anni può insegnare al mondo contemporaneo a togliere la maschera della vita. Giù la maschera, dunque! E facciamoci raccontare storie sagge sulle ginocchia della tradizione.

“bell ninin d'or
ra stelina dur me cör
ven scià ca ta cünti sü
'na storia che inscì ga n'è pü”

e inscì ra nona cunt giuin i öcc
ciapa la neuda sura i ginöcc
e ga dis

"a godi ur mument cara tusa
podarò pü fall quand te saret in età da spusa
rigördas chel ca ta disi adess...
tra un quei ann ur mund a sarà pü istess
carneval ga sarà tücc i dì
oman e donn mascheràa
par vess tücc istess e l'anima quatàa
ghe sarà la maschera divertent
cunt un suris sempar istess
ca par sempar cuntent
chela cunt i ugiai e ur nas gross
paran gran prufesur
vöran sempar i unur
chela trista e culurada
ca la sa scepa cunt una bufada
chela cativa che la fa stremì
e chela brüta che la fa impalidìi

ma se te vardet in d’ul carneval de ra vita
te truaret un quei d’ün da vardà in di öcc
la so maschera te vedaret mia
parchè par ti l’ha levada via
chell lì l’è ‘n’amiis
cunt in facia i difett
sa ved quand a patis
sa ved quand l’è cuntent

par la gent faia inscì
pörta sempar rispett
inscì ur carneval
e tücc i so frecass
ga sarà dumà
al Sabat grass

Bella bambina d’oro, stellina del mio cuore, vieni da me che ti racconto una storia unica, che ascolterai solo ora. E così la nonna con gli occhi giovani prende la nipotina sulle sue ginocchia e le dice: godo il momento, cara bambina, non potrò più farlo quando avrai l’età per sposarti. Ricorda ciò che ti sto per dire: tra qualche anno il mondo non sarà più lo stesso. Carnevale ci sarà tutti i giorni: uomini e donne mascherati per essere tutti uguali e coprire la loro anima, ci sarà la maschera divertente con un sorriso stampato che sembra sempre contenta, quella con gli occhiali e il naso grosso, sembrano grandi professori, vogliono sempre gli onori, quella triste e colorata che si rompe facilmente, quella cattiva che fa spaventare e quella brutta che fa impallidire. Ma, se guardi nel carnevale della vita troverai qualcuno da guardare negli occhi. Non vedrai la sua maschera perché per te l’ha tolta. Quello è un amico con sul volto i suoi difetti. Si vede quando è triste, si vede quando è felice. Per la gente così porta sempre rispetto così il carnevale e tutto il suo fracasso ci sarà soltanto il sabato grasso.


Diana Ceriani


Seguici anche su:


 
Centro studi L'Insorgente © 2012 - 2014

Insorgente.com è la versione on line de “L’Insorgente”
Registrazione Tribunale di Varese n°846
Editore e proprietario “Centro Studi L’Insorgente” C.F. e P.IVA 95056410126