Nuovo aggiornamento
Vignette
Barconi e terrorismo: Alfano rassicura...

Storico Vignette

Lavagna
News > Culture > Leggenda de la fioca (la principessa cunt la pecundria)

Leggenda de la fioca (la principessa cunt la pecundria)
di Diana Ceriani 4/12/2014
 
 
Leggenda de la fioca (la principessa cunt la pecundria)

E’ Dicembre. Il mese dell’inverno. Il mese del Natale. Il mese che ci prepara a salutare un altro Anno di gioie e tribolazioni. Un mese di emozioni. Oggi vi voglio emozionare con due racconti. Uno parla della neve e dell’inverno, l’altro del Natale. Sono due leggende ricche di fascino che spero vi rallegrino l’animo. L’Anno trascorso non è stato semplice per molti di noi, ma la speranza la si ritrova nei pensieri positivi che vengono tramandati e affascinano, ti tolgono dalla quotidianità,ti completano. Mentre scrivo sta piovendo. Una pioggia incessante e preoccupante. Mi pare strano parlar di neve e stelle. Mi auguro che la neve attutisca il rumore dell’acqua sui tetti e che una stella ci guidi aprendo un varco di speranza nel cielo. … la sapete la leggenda di come è stata creata la neve? Copritevi bene, uscite di casa sotto una stupenda nevicata, alzate gli occhi al cielo e lasciate che i fiocchi vi sfiorino delicatamente il viso. Una smorfia di libero e sereno sorriso vi preparerà all’ascolto di questa straordinaria storia:

Da una leggenda nostra ecco il testo in bosino che racconta di come è nata la neve. Pare che l’Angelo custode di una principessa longobarda, l’abbia creata per rallegrare il grigio dell’inverno, stagione in cui alla principessa era stato chiesto di darsi in sposa. Il grigiore la fece sprofondare in una depressione. La pecundria, appunto. Così tanti fiocchi bianchi e leggeri scesero per la prima volta dal cielo, rubandole un sorriso e facendole tornare la voglia di sposarsi… in inverno…..

Leggenda de la fioca (la principessa cunt la pecundria)

A mi ma pias mia l’ivernu
L’è gris e ma par eternu
Fa frecc e gh’è sempar la scighera
Mi vöri spusam in primavera

Quand ul su l’è püssè cald
Quand i prà in culurà
Quand ca cantan i uselit
Mi ta do tanti basitt

Principessa longobarda
Ma quant temp te me fet specià
Se te vörat vess regina
Me miè prest te devat diventà

Mi disi da sì ma senza un suris
Al spusalizi dumandi al paradis
Se ‘n’Angiulett ca l’è sempar cun mi
La me pecundria a ma fa guarì

E giò dal ciel, pian pian bell bell
Un fioch da nev va in sül capell
Dur so bel spus inamurà
E tanti altar in drè rivà

Tin tin tin tan ‘na cuerta pai campagn
Tin tin tin tan un suris l’è drè turnà
L’invernu mo l’è bell e suni ur campanell
L’Angiulett a se inventà la fioca par fam spusà
Tin tin tin tan la pecundria a gh’è mia
E mo d’invernu ammò ma spusaria

La leggenda della neve (la principessa triste)

A me non piace l’inverno, è grigio e mi sembra eterno, fa freddo e c’è sempre la nebbia, io voglio sposarmi in primavera. Quando il sole è più caldo, quando i prati sono colorati, quando cantano gli uccellini io ti do tanti bacini. Principessa longobarda, quanto tempo mi fai aspettare! Se vuoi essere regina mia moglie presto devi diventare. Io dico sì al matrimonio, ma senza un sorriso, domando al Paradiso se un Angioletto che è sempre con me la mia tristezza farà guarire. Giù dal cielo, lentamente e bellissimo, un fiocco di neve cade sul cappello del suo sposo innamorato e bello e tanti altri stanno scendendo. Tin tin, tin tan, una coperta per le campagne, tin tin, tin tan un sorriso sta tornando. L’inverno ora è bello e suona il campanello, l’Angioletto si è inventato la neve per farmi andare in sposa, tin tin, tin tan, la tristezza non c’è più ed ora in inverno mi sposerei ancora.

STORIA DI UNA STELLA

In d’un cicinin de ciel
insema ai altar stell
Dumà vüna l’è ciamada
da Arcangiul Gabriel

E d’innanz a ur nostar Signur,
cunt ur cör pien de emuziun
Giuin bela la nostra Stela
la cugnoss ur so destin

Ti te devat andà luntan
Andà giò in su la tera
In dua al’è drè a nass
Ur me fiö par vinc la guera

Ti te devat fat vidè
Sbarlüsenta ma te set
Par purtà tüta la gent
A vidè ur Bambin dul ciel

E inscì la nostra stela
al’è andaia su la tera
La purtà pastur Re Mag
La ga avü un bel curagg

Quand ca l’ha finì de fa
Dul Signur ur laurà
L’è turnada in dul so ciel
Sistemada tant ‘me un vel

Tücc i stell l’hann salüdada
tücc cuntent quand l’è rivada
dopu la curiosità
invidius da par lè l’hann lassada

i so lacrim pizz dal su
i ha vist nostro Signur
l’ha ciamada al so cuspett
la g’ha dì “ma sa te ghet?”

nustalgia de ra me tera
e i stell ma vöran mia
par piasè padrun dul Ciel
su la tera turnaria

e cumos ur nostar Signur
la ga dì “ma de sigür
dumà che par fall par sempar
te divegnaret un fiur”

e inscì ra stela alpina
fiur visin ai port del ciel
l’è nassüda in muntagna
par vütà chi a và a videl

In un pezzettino di cielo insieme ad altre stelle, solo una è chiamata dall’Arcangelo Gabriele e davanti al nostro Signore, con il cuore pieno di emozione, giovane e bella la nostra stella conosce il suo destino. Tu devi andare lontano, devi andare sulla terra dove sta per nascere mio figlio per vincere la guerra. Tu devi farti vedere, splendente come sei, per portare tutte le genti a vedere il Bambino del cielo. E così la nostra stella è andata sulla terra, ha portato pastori e Re Magi, ha avuto un bel coraggio. Quando ha finito di svolgere il compito datole dal Signore è tornata nel suo cielo sistemata come un velo. Tutte le stelle l’hanno salutata felici quando è arrivata ma dopo la curiosità l’hanno lasciata sola. Le sue lacrime, accese al sole (meteore) le ha viste nostro Signore che l’ha chiamata al suo cospetto chiedendole “che cosa hai?” Nostalgia della mia terra e le stelle non mi vogliono. Per favore, padrone del cielo, vorrei tornare sulla terra. E commosso il nostro signore le ha risposto “ma sicuramente, solo che ci tornerai per sempre trasformandoti in un fiore. E così la stella alpina, fiore vicino alle porte del cielo è nata su in montagna per dare una mano a chi va lassù ad ammirarla.


Diana Ceriani


Seguici anche su:


 
Centro studi L'Insorgente © 2012 - 2014

Insorgente.com è la versione on line de “L’Insorgente”
Registrazione Tribunale di Varese n°846
Editore e proprietario “Centro Studi L’Insorgente” C.F. e P.IVA 95056410126