Nuovo aggiornamento
Vignette
Barconi e terrorismo: Alfano rassicura...

Storico Vignette

Lavagna
News > Attualità > Agilulfo e Juncker

Agilulfo e Juncker
di Agilulfo 3/7/2014
 
 
Agilulfo e Juncker

Noi Longobardi non amiamo i giochini di corridoio. Noi siamo abituati a scegliere come capo quello che di noi più si espone e più rischia in battaglia. Anche noi amiamo l'Europa (pochi lo sanno, ma a Poitiers, a combattere contro gli invasori islamici c'eravamo anche noi, benché i Franchi non fossero nostri amici). 27 contro 2: come capo della commissione europea hanno scelto il vecchio, il burocrate, quello che le guerre le fa fare agli altri. Onore a Cameron e a Orban, onore all'Inghilterra e all'Ungheria, che si sono opposti. Disonore a tutti gli altri, che ci vogliono servi. Chi è Juncker? Come lavora? C'è una sua vecchia intervista al settimanale tedesco Der Spiegel che lo spiega. Attenti a che cosa dichiarava nel lontano 1999 (lui è nel Palazzo da trent'anni!): "quando prendiamo una decisione, la lasciamo lí sul tavolo per un bel po'. Se nessuno reagisce, magari perché neanche la capiscono, se non ci sono proteste, andiamo avanti e la rendiamo irrevocabile". Questo è il loro metodo e per questo noi e loro siamo inconciliabili. Noi Longobardi non abbiamo altra legge che il sangue e Dio. E quando prendiamo una decisione, voglamo che sia chiara e che tutti possani capirla. Per questo oggi siamo diffidenti quando i grigiocrati urlano: "Lo vuole l'Europa!", sapendo bene che ciò significa: lo vogliono i poteri finanziari ... i padroni di Juncker.


Agilulfo


Seguici anche su:


 
Centro studi L'Insorgente © 2012 - 2014

Insorgente.com è la versione on line de “L’Insorgente”
Registrazione Tribunale di Varese n°846
Editore e proprietario “Centro Studi L’Insorgente” C.F. e P.IVA 95056410126