Nuovo aggiornamento
Vignette
Barconi e terrorismo: Alfano rassicura...

Storico Vignette

Lavagna
News > Culture > Se te ghet mia i danee par andà al supermercaa

Se te ghet mia i danee par andà al supermercaa
di Diana Ceriani 28/3/2014
 
 
Se te ghet mia i danee par andà al supermercaa

C’è crisi? Ne risentite? Permettetemi un consiglio: nel periodo in cui storicamente le provviste dedicate al lungo periodo invernale erano ormai terminate e gli orti e frutteti non erano ancora produttivi, ci si arrangiava con ciò che la primavera ai suoi albori donava spontaneamente. Così dovremmo fare anche noi, nell’attesa che frutta e verdura nostrane di stagione maturino, dovremmo fare una salutare passeggiata tra boschi e prati ed imparare a riconoscere le erbe buone e i loro utilizzi: il Silene (detto verzitt), il tarassaco (insalata di prà),le ortiche (urtigh) il luppolo selvatico (spargiti selvadigh), le cipolline selvatiche (scigulett selvadigh), alcuni fiori che si possono consumare nelle insalate (primule e viole) oppure quelli buoni da fare fritti (i fiori di rubigna)…. E tante, tante altre protagoniste di salutari ricette piene di sapore e vitamine, depuranti ed energizzanti… lascio a voi la ricerca e la conoscenza delle nostre buone erbe, ma siate accorti! Ci sono anche quelle velenose! Vi saluto con l’erba cucca in bocca, e, per amor di lingua e tradizioni, con uno scritto in bosino che dedico a chi non si lascia prendere dallo sconforto del periodo di crisi ma esce ad abbracciare la terra e, conoscendola, la ringrazia per i doni che sa dare al momento giusto e che noi dobbiamo solo saper prendere.


Se te ghet mia i danee par andà al supermercaa
Ta cunsili propri mo de fa un gir in di nostar praa
L’è cheschì ur mument che in piscinitt
De catà sü i nostar verzitt:
sa ciaman inscì parchè sa te fregat i foei verd
a fan ur rumur di nostar verz
inn propri bun anca cunt ul risott
vitamin e ferr ga n’è dentar un baslott

poe gh’è anca l’insalada di prà
chela che la fa i fiur giald che a sciopan d’està
l’è bona crüa e anca cota e inn bun i radis
cunt i ciapp par pasqua te se lecat i barbiis

i urtigh apena gni foera inn bun da mangà
ta fan propri ben, ta fan anca pissà!

…bon…, ne ho scriü un quei d’ün
ma inn mia ammò tücc
ga n’è un mücc!

spargin e scigulett selvadigh catai sü senza preocupaziun
ma mia tücc i piant inn bun, fa atenziun!
Ghin anca chei velenus
Dunca impara a cugnossai poe ta disi cun pasiun
Che te podat specià ul to urtisell
Se te mangett chel che in d’ul prà l’è bun e bell
Ta disi cunt unur che inn bun anca certi fiur!

Lacc du ra vaca ca fa ur furmagg
Oev de gaina bun cunt la spargina
La crisi te saltet via
Se te se ranget e ur mund te le ciapet cun ligria!


Diana Ceriani


Seguici anche su:


 
Centro studi L'Insorgente © 2012 - 2014

Insorgente.com è la versione on line de “L’Insorgente”
Registrazione Tribunale di Varese n°846
Editore e proprietario “Centro Studi L’Insorgente” C.F. e P.IVA 95056410126