Nuovo aggiornamento
Vignette
Barconi e terrorismo: Alfano rassicura...

Storico Vignette

Lavagna
News > Culture > Una Bottega in un angolo d’una strada / 'na butega in d'un cantun de 'na strava

Una Bottega in un angolo d’una strada / 'na butega in d'un cantun de 'na strava
di Diana Ceriani 22/11/2013
 
 
Una Bottega in un angolo d’una strada / 'na butega in d'un cantun de 'na strava

Un piccolo, amichevole mondo rassicurante, fatto di tante unità che si incontrano e si sorridono. Questa è l’immagine che per prima mi viene in mente se penso al mondo delle “botteghe”. Quei negozietti, a pochi metri l’uno dall’altro che sprigionavano profumo di casa.

Le massaie li raggiungevano a piedi a mattina presto. I pesanti portoncini solitamente risuonavano di un allegro scampanellio quando venivano aperti dall’affezionata clientela (sempre quella) e da dietro la bottega ne uscivano volti di piccoli commercianti sorridenti, pronti a vendere, insieme a prodotti scelti accuratamente e che loro stessi consumavano, disponibilità di ascolto e di scambiare due parole rassicuranti. Parlo al passato purtroppo. Un mondo ormai cancellato dalla gomma del progresso e sostituito dall’enormità di sempre più generici ed immensi supermercati. Lì si trova tutto ma di questo tutto non si conosce la provenienza. Comodità, velocità, attrattive di forme e colori innaturali che spingono il consumatore a comprare prima il superfluo poi il necessario. E dietro freddo consumismo. Niente sorriso, ascolto, parole rassicuranti, niente certezze, niente profumo di casa. Intanto le botteghe chiudono, e con loro chiude un mondo a misura d’uomo.

Gh'era 'na butega
in d'un cantun de 'na strava
gh'era dentar un om
che a laurava
vendeva i vestì
e ul material par fai
i a misurava a brasc
al vutavan i so bagaj
a gh'era tanta gent che entrava a vidè e cumprà
e lü cunt un suris saveva cunquistà
visin gh'era un cervelee
da drè un prestinèe
e traversà la strava ufelèe e drughè

sa cugnussevan tucc
e se gh'era de bisoegn
eran sempar prunt a vutas senza tartegn

pasan i ann e ul temp
e i ropp inn pü istess
gh'è rivà in cità
un gran supermercà
la gent va dumà là
a vidè, a cumprà
e la butega voeia
la riess pü a guadagnà

scultìi cari bagaj
a riessi pü a andà innanz
nissün a cumpra pü
a riessum pü a mangià
grasie par vess stai
cun mi a laurà
mo sem disocupà
sarum sü butega
e turnem a cà.


Diana Ceriani


Seguici anche su:


 
Centro studi L'Insorgente © 2012 - 2014

Insorgente.com è la versione on line de “L’Insorgente”
Registrazione Tribunale di Varese n°846
Editore e proprietario “Centro Studi L’Insorgente” C.F. e P.IVA 95056410126