Nuovo aggiornamento
Vignette
Barconi e terrorismo: Alfano rassicura...

Storico Vignette

Lavagna
News > Opinioni > Noi contro l’ “Invincible Armada” del Sistema

Noi contro l’ “Invincible Armada” del Sistema
di Agilulfo 19/7/2013
 
 
Noi contro l’ “Invincible Armada” del Sistema

C’è un vuoto, ci siamo detti aprendo questo sito. Le cose, da allora, non sono molto cambiate. L’Invincible Armada dei media asserviti ai poteri forti è sempre lì e, sembra, che noi e i tanti altri piccoli vascelli varati in questi mesi riusciamo a mala pena a far loro qualche solletico. Così pare, ma così non è.
L’informazione in Italia è ormai (quasi) completamente divisa tra berlusconiani e antiberlusconiani, come lo è stata tra fascisti e antifascisti. Guelfi e Ghibellini, Bianche e Rossi, da sempre, con gli uni che hanno disperato bisogno degli altri per continuare a esistere e gridare al pericolo! Il fronte berlusconiano, che si dice di centrodestra, ha due ammiraglie: Libero Quotidiano, ormai ridotto al soft porno, e Il Giornale, ormai ridotto al gazzettino della difesa nei numerosi processi berlusconiani. Questo fatto dà all’area antiberlusconiana, di centrosinistra e di sinistra, un vantaggio enorme. Ma è tutta apparenza, perché gli uni e gli altri non sono altro che la voce del Padrone. Manca, del tutto, un grande strumento informativo di indirizzo intelligentemente conservatore, federalista e/o autonomista, identitario sul piano culturale e critico nei confronti della grande omologazione.
Manca, per ora, ma non è vero che non ci siano spazi di resistenza informativa. Il nostro sito ne è un esempio. Altri ancora, ad essi collegati, come www.piazzolanotizia.it lo sono a loro volta. Piccoli vascelli, è vero, ma leggeri e veloci, abbastanza per iniziare l’opera di contrasto e ricordare ai liberi e ai forti che non c’è scusa a chi vuole essere servo.
L’Invincible Armada, forse, non è invincibile. Ricordiamo come andò allora, 8 agosto 1588, e facciamone una metafora per il presente: « Gli spagnoli nelle battaglie navali usavano ancora il “vecchio sistema” di abbordare le navi per conquistarle utilizzando i cannoni solo per indebolire il nemico. In questo caso, però, di fronte allo schieramento inglese gli spagnoli dovettero serrarsi in formazione difensiva. Gli inglesi infatti (che avevano navi più piccole e leggere), mentre bombardavano il nemico non gli permisero mai di avvicinarsi abbastanza per lanciare i suoi grappini ed effettuare l'abbordaggio. Le navi inglesi non erano superiori tecnologicamente a quelle spagnole eccetto che per un particolare: l'affusto navale dei cannoni inglesi, che permetteva un fuoco più veloce, preciso, sicuro e disciplinato di quello (di derivazione terrestre) dei cannoni spagnoli».

L’affusto navale dei nostri piccoli vascelli è il fatto che noi ci crediamo, loro no. Loro si muovono tutti per convenienza, ognuno la propria.
Prepariamoci e teniamo gli occhi aperti: chissà che il futuro prossimo non ci riservi qualche sorpresa.


Agilulfo


Seguici anche su:


 
Centro studi L'Insorgente © 2012 - 2014

Insorgente.com è la versione on line de “L’Insorgente”
Registrazione Tribunale di Varese n°846
Editore e proprietario “Centro Studi L’Insorgente” C.F. e P.IVA 95056410126