Nuovo aggiornamento
Vignette
Barconi e terrorismo: Alfano rassicura...

Storico Vignette

Lavagna
News > Culture > ADA E FRANCESCO (leggenda della Rocca di Orino)

ADA E FRANCESCO (leggenda della Rocca di Orino)
di Diana Ceriani 19/7/2013
 
 
ADA E FRANCESCO (leggenda della Rocca di Orino)

Questa è la storia di due briganti che, una sera d’inverno, si trovarono di fronte alla Rocca di Orino con il magico e pesante portone spalancato. All’interno delle mura scoprirono dei sacchi di farina; con l’intento di rubarli entrarono, il magico portone si chiuse dietro di loro e furono così costretti a trascorrere la notte all’interno della Rocca…… ma un vento caldo penetrò le mura nella notte gelida…. E con il vento gli spiriti irrequieti di un uomo e una donna……
comunque quel portone è davvero magico… io stessa ho udito da voci attendibili e recenti avvenimenti davvero inspiegabili…

Un vent al ven da dent al’è un vent cald ma al fa frecc
La nev l’è valta ammò e mi ga entri fin ai gineoucc
Vusà senti vusà ma ghè nessun cusa sarà?
O no andem mia via chi l’è tant bel stem chi ammò:

ma va ma te set matt l’è mei scapà cui gamb in spala
l’è un post bel sì però a gh’è un quei cos che al và no
andem da reta a mi intant ven nocc e sa ved pü nagot
ma va ul bianch ca gh’è al fa vidè anca col scür

Ada Francesco sa ve success?
Parchè gni scià da nunch propri adess?
Ada Francesco chi tra sti mür
Van fai del mal un quei d’un de sicür
E la vostra anima la veour mia fa del mal
Si vi altar che in prigiun a pudì mia vugà
E se una quei volta vurii un zich de compagnia
Sarì sü ul purtun cul vent par fa restà la gent

E peou ‘na bota da drè parchè ul purtun se sarà sü
E podum mia andà de feoura i mür in valt da scavalcà
Ma femm signur ma femm l’avevi dì, te credat mia a mi
Ven scià chi gh’è un ripar setas giò un zich a ripusà

L’è nocc tucc frecc al tas e riesum mia a ripusas
De culp me ‘na bota in sul cò sa saran i eoucc par durmentas
E ul vent ch’el cald e feourt al porta a nunch ‘na bela dona
Visin visi gh’è ‘n’om vestì fudes de l’ ann cinch cent

Ada Francesco sa ve success?
Parchè gni scià da nunch propri adess?
Ada Francesco chi tra sti mür
Van fai del mal un quei d’un de sicür
E la vostra anima la veour mia fa del mal
Si vi altar che in prigiun a pudì mia vugà
E se una quei volta vurii un zich de compagnia
Sarì sü ul purtun cul vent par fa restà la gent


Diana Ceriani


Seguici anche su:


 
Centro studi L'Insorgente © 2012 - 2014

Insorgente.com è la versione on line de “L’Insorgente”
Registrazione Tribunale di Varese n°846
Editore e proprietario “Centro Studi L’Insorgente” C.F. e P.IVA 95056410126