Nuovo aggiornamento
Vignette
Barconi e terrorismo: Alfano rassicura...

Storico Vignette

Lavagna
News > Culture > Maria bambina

Maria bambina
di Diana Ceriani 14/6/2013
 
 
Maria bambina

Ormai, purtroppo, quasi introvabile. Forse perché difficile da conservare a causa della sua fragilità, forse perché il suo significato è passato di moda insieme a quelle genuine idee di famiglia per cui la nascita di un figlio dopo un regolare matrimonio innanzi a Dio era una vera benedizione, il compimento di un desiderio che si traduceva nell’unica gioia che dava un senso ad una vita di lavoro e sacrificio e, con il tempo, in un aiuto concreto che il figlio portava, donando attenzioni e rispetto verso ogni componente famigliare.

La nostra Maria bambina veniva, infatti, regalata dai genitori della sposa o dello sposo in occasione appunto del matrimonio tradizionalmente celebrato soprattutto in tarda Primavera.

Posta con cura comunemente proprio sul comò della camera da letto, essa assumeva un significato particolare, raccolto in una preghiera: che proprio quella piccola madre di Gesù aiutasse i novelli sposi ad avere un bambino sano ed intelligente, giudizioso e bello. Così la Maria bambina si diffuse rapidamente in tutta la nostra provincia, come se vegliasse e proteggesse nella sua campana di vetro il nuovo nucleo famigliare, donando serenità e fiducia. ….per poi andare perduta...con gli anni…nelle soffitte del tempo

Diana Ceriani

MARIA BAMBINA

Maria Bambina, Madona piscinina
Stà lì in la tò cüna che a ul rest a pensi mì
Maria Bambina vestì de raas e vel
Te vardet gió dal ciel e scultum parpiasé

Al tò Signur dumandi tücc i dì
De fam diventà nona ades che mì hu finì
De ves mama de un fiö ca l’è diventà om
G’ha pü bisögn de mì ma g’ho bisögn mò mì
De ciapà in brasc un fiurin ul mè bel neudin

Maria Bambina ‘na cà senza un bel fiö
L’è un prà senza i so fiur, l’è un ciel senza culur
Maria Bambina, Madona piscinina
Te vet in ra so cà sperem ca nassarà

Un fiö pien de salü, un fiö cunt ul cò sü i spal
C’al faga mia del mal unest e giüdizius
E bun ‘me un toch de pan cunt i valur già san
Unest e giüdizius un gran lavuradur

Maria Bambina, Madona piscinina
Sta sira mì ho savü che la mè nöra specia un fiö

Grazie, Maria Bambina

MARIA BAMBINA

Maria Bambina, Madonna piccolina
Stai lì nella tua culla che al resto penso io
Maria Bambina vestita di raso e velo
Guarda giù dal cielo e ascoltami per piacere

Al tuo Signore domando tutti i giorni
Di farmi diventare nonna adesso che ho finito
Di essere madre di un bambino che è diventato uomo
Non ha più bisogno di me ma ora ho bisogno io
Di prendere tra le braccia un bambino il mio bel nipotino

Maria Bambina una casa senza un bel bambino
È come un prato senza i suoi fiori, è un cielo senza colori
Maria Bambina, Madonna piccolina
Vai nella sua casa e speriamo che nascerà

Un bambino pieno di salute
Un bambino con la testa sulle spalle
Che non faccia mai del male onesto e giudizioso
E buono come un pezzo di pane con dei valori già sani
Forte bello e generoso un grande lavoratore

Maria Bambina, Madonna piccolina sta sera io ho saputo
Che mia nuora aspetta un bambino

Grazie, Maria Bambina



Seguici anche su:


 
Centro studi L'Insorgente © 2012 - 2014

Insorgente.com è la versione on line de “L’Insorgente”
Registrazione Tribunale di Varese n°846
Editore e proprietario “Centro Studi L’Insorgente” C.F. e P.IVA 95056410126