Nuovo aggiornamento
Vignette
Barconi e terrorismo: Alfano rassicura...

Storico Vignette

Lavagna
News > Culture > I avicc uperari (le api operaie)

I avicc uperari (le api operaie)
di Diana Ceriani 3/5/2013
 
 
I avicc uperari (le api operaie)

Questo è il testo di un canto scritto per sensibilizzare i bambini e non solo sull’importanza vitale delle api, ricordando loro tutto ciò che questi insetti fanno per mantenere un equilibrio naturale, tutti i prodotti che loro donano, eccellenze tra l’altro delle nostre prealpi varesine, famose per la bontà del miele.
Non da ultimo per ricordare ciò che diceva Albert Einstein: da quando le api si estingueranno, l’essere umano avrà solo atri 4 anni di vita prima di estinguersi a sua volta.
Insegnare il rispetto per la propria terra è l’inizio di un futuro migliore.

I avicc uperari g’han di trüsc ne l’alvear
Primavera l’è rivada cunt i fiur culurà e dulz
La regina anca l’è ‘na vugada par spusas
Pö la met in di cell i öv vegnan föra avicc de növ

Sa fudessan mia i avicc a saria un bel pastizz
Ga saria mia früta da mangià parchè i fiur in da impulinà

Sa fudessan mia i avicc a saria un bel pastizz
Ga saria pü ul dulz dul mel e la cera p’ai candel

Ti te sentet un gran runzà sura i fiur dul to scires
Fiur de castegn e de rübìnia tanto dulz da vess sciüscià
Pö a vugan bei pienott cunt ul goss pien de netar
e al metan in di cell eccu l’è gni föra ul mel

dunca oman al savii ca sa po mia fai murì
cunt la tera velenada o dumà par na schisciada
porta sempar del rispett par chel straurdinari insett
sedanò te l’hann già dì anca nünch andemm a murì.

Le api operaie sono indaffarate nell’alveare
Primavera è arrivata con i fiori colorati e dolci
Anche la regina fa un volo nuziale
Poi mette le uova nelle celle
Escono nuove api

Se non ci fossero le api
Sarebbe un bel pasticcio
Non ci sarebbe più frutta da mangiare
Perché i fiori sono da impollinare
Se non ci fossero le api
Sarebbe un bel pasticcio
Non ci sarebbe più il dolce del miele
E la cera per le candele

Senti un gran ronzare
Sui fiori del tuo ciliegio
Fiori di castagno e di rubinia
tanto dolci da essere succhiati
Poi volano belle “pienotte”

Con il “gozzo” pieno di nettare
E lo mettono nelle celle
Ecco che ne esce il miele

Dunque uomini lo sapete
Non si possono fare morire
Con la terra avvelenata
O soltanto per una schiacciata
Porta sempre del rispetto
Per questo straordinario insetto
Altrimenti ti hanno detto
Che moriamo anche noi


Diana Ceriani


Seguici anche su:


 
Centro studi L'Insorgente © 2012 - 2014

Insorgente.com è la versione on line de “L’Insorgente”
Registrazione Tribunale di Varese n°846
Editore e proprietario “Centro Studi L’Insorgente” C.F. e P.IVA 95056410126